Ricette ed informazione sul mondo della cucina naturale crudista.

martedì 22 luglio 2008

Shankprakshalan , la depurazione integrale dell'intestino.


La Shankprakshalan è una pratica indiana antichissima praticata da centinaia di anni che consiste nel far passare acqua salata nell'intestino per ripulirlo da tutte le scorie .
La parola deriva da shank: Conchiglia e Shalan: Lavare. Ottenuta dalla pratica indiana di usare una conchiglia per lavarsi e dall'acqua che scende nell'intestino e ripulisce tutto.

Questa pratica è l'alternativa più efficace e meno invasiva all'idro-colon terapia che consiste nel passaggio di acqua per le pareti intestinali con un getto di acqua per ripulire e che risulta aggressiva e invasiva per l'apparato digerente. Tutavia questa pratica medica moderna non pulisce tutto l'intestino ma viene bloccata dall'interno ed ha efficacia dimezzata.

La Shankprakshalan a suo modo pulisce l'intero intestino a partire dall'esofago sino ad arrivare all'ano.

Questa pratica si basa sull'introdurre acqua moderatamente salata nel corpo seguita da movimenti yoga per aprire il piloro e far passare l'acqua per l'intestino.
L'acqua quindi ingerita non viene assorbita per osmosi come normalmente avviene con l'acqua dolce, ma viene lasciata passare attraverso l'apparato digerente ed ha come effetto la pulizia e sanificazione dalle scorie incrostate di muco e detriti che vengono espulsi alla fine del passaggio completo.
é una buona scelta se si vuole passare al crudismo in quanto ripulisce interamente l'intestino e così facendo toglie al corpo il duro lavoro di depurazione che incontra durante il cambiamento nel modo di mangiare passando alla sana alimentazione crudista.

Questo trattamento viene eseguito dagli yogi in varie tempistiche. C'è chi ne fa tanti e piccoli tutto l'anno e chi ne fa uno o due completi all'anno.
L'ingerimento di acqua salata può essere nauseabonda se il trattamento viene fatto per la prima volta, dato l'approccio delicato alla pratica. Ma sparisce già dal primo trattamento e nei successivi si è sicuri di quello che si sta facendo e non si trovano più problemi.

Come possiamo vedere questa pratica è relativamente semplice da fare. Però è molto consigliabile avere al proprio fianco una persona che sia esperta e che abbia già fatto il trattamento per aiutare nel primo approccio della purificazione.

Per praticare la pulizia intestinale bastano due bottiglie da 2l di acqua tiepida con all'interno sciolti 4 cucchiai rasi di sale marino preferibilmente integrale ed un bicchiere medio .
La dose è comunque di un cucchiaio raso di sale per litro d'acqua.

Come possiamo vedere il procedimento è semplice ma non veloce. La pulizia completa può prendere anche 1:30 o 2 ore . Mezz'ora per bere acqua e fare gli esercizi, e sino a 2 ore per espellere acqua e sporcizia dall'intestino, ma questo è in base alla quantità di acqua bevuta e al proprio fisico e comunque generalmente in un ora si fa tutto quanto.
Di solito occorre bere da 10 a 15 bicchieri di acqua a seconda della condizione dell’ intestino e dei suoi ingombri.

Preparativi ed uso:
Mettere ad intiepidire 4 litri d'acqua e sciogliere all'interno 4 cucchiai rasi di sale marino preferibilmente integrale, la dose è di 1 cucchiaio raso per litro d'acqua.

Mettere in una caraffa e procedere con il trattamento.
é consigliabile praticare la shankprakshalan al mattino a digiuno.
é necessario prima di iniziare la prima volta cominciare a vedere i movimenti che è necessario fare per far passare bene l acqua nell'intestino e ottenere una pulizia sicura.
In questo video possiamo vedere bene quali movimento dobbiamo fare, basterà seguire il video per ottenere i risultati e non sbagliare la pratica.
é importantissimo saper vincere la sete e non bere acqua dolce perchè così interromperemo il trattamento. Bere mezz'ora dopo il trattamento e dolo dopo aver mangiato il riso al burro. Solo a quel punto sarà possibile bere acqua dolce.



Seguire i movimenti visti in video è fondamentale per eseguire bene la pratica. Sono solamente una serie di semplici ma fondamentali esercizi atti a facilitare il trasito dell'acqua.

Alterniamo un bicchiere o due di acqua salata alla serie di esercizi e continuamo sino a che non si sente lo stimolo di andare in bagno.
La prima volta se non si riesce a bere l'acqua salata, o si vuole interrompere il trattamento per altre cause, è necessario provocare il vomito per interrompere il processo di pulizia e smaltire l'acqua residua. Questa tecnica è anche usata dagli indiani per pulire lo stomaco intero.
Provocare il vomito è anche una comoda alternativa per finire prima il trattamento.
Siccome il trattamento generalmente finisce quando vediamo che l'acqua espulsa dall'ano è pulita e oramai priva di muco e scorie, quando si verifica questa situazione, per non aspettare altro tempo è necessario indurre il vomito e interrompere così la pratica senza dover aspettare che tutta l'acqua fluisca nell'intestino oramai pulito e così finire prima. Oppure più semplicemente bere due bicchieri di acqua non salata.
é necessario altresì andare in bagno sino a quando si sente lo stimolo, per espellere tutta l'acqua salata dal corpo, sempre vincendo la sete sino alla fine, che ricordo non è una sete forte ma moderata e sopportabilissima.
Concluso il trattamento non dobbiamo aspettare oltre le 3 ore prima di mangiare, mangeremo solamente riso brillato molto cotto con burro. Questo alimento lubrificherà le pareti intestinali e ripristina la flora batterica intestinale.
A questo punto dopo aver mangiato il riso sarà possibile bere acqua dolce .
é importante non mangiare altro nulla sino alla sera per permettere all'intestino di riprendersi nel migliore dei modi. é necessario riposare durante la giornata dopo il trattamento per stare bene.
é assolutamente necessario NON mangiare cibi crudi come frutta e verdura , cibi integrali, latte e derivati, carne ecc per 2 giorni.
mangeremo quindi frutta e verdura cotta e cereali raffinati per questi 2 giorni.
L'intestino così ripulito avrà bisogno anche di una giornata intera prima di andare al bagno nuovamente, non c'è da preoccuparsi, si deve solamente ricostruire il transito di rifiuto e riottenere la regolarità intestinale.

Con questo articolo si spiega in modo semplice come eseguire la pratica Shankprakshalan, questa pratica è sicura e indolore . Tuttavia non mi assumo responsabilità su persone irresponsabili che non hanno seguito tutti i consigli e non si sono informati ulteriormente con libri o su internet prima di eseguire la pratica che, seppur semplicissima, ha bisogno di un pò di un minimo di studio e riflessione. O di una persona già esperta in aiuto per la prima volta.

67 commenti:

Anonimo ha detto...

Una mia conoscente ha fatto questo trattamento ed è stata ricoverata per diarrea fulminante con sintomi di grave disidratazione.

Sardinianguy ha detto...

Sicuramente ha seguito consigli sbagliati ed era da sola nel momento del trattamento. Questa pratica è sicura e praticata da milioni di persone in India. Se non si è fatto bene il trattamento e non ci si è informati prima su quello che si sta facendo è un altro conto.

Anonimo ha detto...

SICURAMENTE IN INDIA E' UN'OTTIMA PRATICA MA... CHE COSA MANGIANO IN INDIA? LORO IL SALE NON LO USANO
E LA DIETA MEDITERRANEA DOVE LA METTIAMO DOVE TUTTO E A BASE SALE

Sardinianguy ha detto...

Il sale assunto con l'alimentazione non ha nulla a che vedere con questa pratica. Il sale usato per questa pratica ha il solo valore di non far assorbire l acqua e di farla passare così comè per tutto l'intestino.

Anonimo ha detto...

grazie infinite per i consigli: mi sono regalata una domenica di calma e ho eseguito alla lettera i vostri dettami, allungato e mosso il corpo attarverso i 9 movimenti, e bevendo ( effettivamente avere una giornata di calma e cercare di essere positivi è essenziale: per bere l'acqua salata bisogna essere seriamente motivati, cosi come per respingere la sete che invece personalmente sento forte)piu o meno tre litri di acqua, forse anche meno: dal secondo bicchiere il sistema si attiva, al settimo bicchiere, le evacuazione si fanno liquide...poi pulite .. termino con calma, aspettando e mangiando piano un po di riso basmati bollito a lungo, con olio oliva, osservando digiuno fino a sera e offrendo al mio corpo verdure e frutta cotta per due giorni....Effetti collaterali, nel mio caso un forte mal di testa le prime due ore o poco piu, che si estingue non appena ricomincio a bere al termine della pratica.
Mi sento benissimo

Sardinianguy ha detto...

Ottimo veramente!

Sara ha detto...

Ciao!!
Io penso che eseguirò questa pratica la prossima settimana per prepararmi all'inverno, non è la prima volta che la faccio ed è sicuramente il modo più completo di pulizia.
Grazie per il video, un bel ripasso dei movimenti non fa male :-)

Missvanilla

PS missvanilla.eu non c'è più, il sito nuovo è www.crudismo.com
:-)

Sardinianguy ha detto...

Ciao sara! si avevo lasciato missvanilla proprio per aiutare la transizione degli utenti da miss a crudismo.. Grazie :)

Nickname non disponibile ha detto...

Scrivo da Napoli. Vi ringrazio, è un'ottima guida. Ho fatto tutto alla lettera e, per quel che mi riguarda, è andato tutto benissimo. Ho usato 3 litri di acqua salata e, dopo ogni tazza, ho eseguito per otto volte ciascuno i primi quattro esercizi. Mi solo liberato. Addirittura - tra le varie schifezze - c'era un nocciolo di oliva (sono mesi che non ne mangiavo) e una strisciolina di nastro adesivo da imballaggio (non tagliate mai lo scitch con i denti!). Dopo due ore solo acqua pulita, quindi mi sono fermato, con del riso come suggerito. Zona renale un po' provata, comunque un po' disidratato. Ricomincio a mangiare masticando bene il cibo...

Anonimo ha detto...

Ho appena finito la seconda prova di questo metodo! La prima volta, circa un mese fa, l'ho fatto con 3lt e alla fine sono rimasto deluso perché l'acqua non era pulita.

Ora l'ho rifatto con 5lt e finalmente l'aqcua era quasi trasparente, mi chiedo se ad altre persone fuoriesca perfettamente limpida...

In ogni caso l'articolo è contraddittorio, si parla di non assumere latte e derivati e si consiglia di riprendere a mangiare riso con burro!

Bioecomen ha detto...

Si è scelto di usare burro chiarificato per la sua capacità di lubrificare e creare un terreno fertile per i batteri, tutti gli altri derivati non vanno bene.

tommy229 ha detto...

Ho praticato lo Shankprakshalana ed è andato tutto molto bene. Come lubrificante insieme al riso ho però usato l'olio di semi di girasole biologico spremuto a freddo come prescrive il metodo Kousmine. Saluti. Tommy

Bioecomen ha detto...

Ottimo! Fateci avere altre informazioni per quanto riguarda l'uso di oli vegetali al posto del burro chiarificato, e se possibile spiegazioni scientifiche e differenze nell'uso dei diversi grassi!
é molto interessante!

Anonimo ha detto...

io ho mangiato frutta dopo averlo fatto e non ho avuto il minimo disturbo ,anzi!
devo dire che da 4 mesi seguo una dieta particolare(praticamente solo frutta e verdura,con qualche pasto onnivoro 3 volte al mese)
ritengo che mangiare riso al burro per forza sia un'errore.(magari dovrebbe seguire quest'accorgimento chi ha un alimentazione sregolata e onnivora da molti anni..)

Anonimo ha detto...

Pratico la pulizia dell' intestino una volta ogni due mesi circa da quasi un anno ed ogni volta è come rinascere a nuova vita. Di solito faccio seguire digiuni di 4/7 giorni per una depurazione totale. Domani eseguirò pulizia post-natalizia e per la prima volta tenterò un digiuno di 14 giorni per il cambio pelle e ringiovanimento tessuti...vi farò sapere!!! p75

Anonimo ha detto...

Che bello sapere che ci sono altre persone che praticano questo metodo "povero" di pulizia dell'intestino, solo che vorrei dire alcune cose e, se non vere, spero di scoprirne poi la verità con il confronto con voi tutti:
1. Nei Veda, presso i saggi e i dottori orientali e dai medici occidentali sento dire che questa pratica va fatta al massimo due volte l'anno, affinché non siano danneggiati i villi intestinali e la flora batterica ivi presente;
2. L'indicazione di cui sopra è indicata per persone autosufficienti e che non presentano patologie;
3. Questa pratica "semestrale" è indicata per chi ritiene di avere bisogno di una profonda purificazione, mentre non varrebbe del tutto per chi pratica la macrobiotica pianesiana o per chi ha regimi alimentari liberi da carne, pesce, uova, latte (e derivati), solanacee, "fuori-stagionali", droghe, alcool, fumo, ecc.
Sono interessato a sapere meglio della rigenerazione dei tessuti.
Grazie a tutti!

Anonimo ha detto...

ciao Anonimo,
vorrei rispondere al punto 3. Tutti noi abbiamo bisogno di una purificazione. Nel tratto intestinale si accumulano i resti della alimentazione non corretta: cibi che provocano muco, incrostazioni vecchie di anni, metalli pesanti, residui derivanti dai farmaci che abbiamo assunto. con questo sistema o con la idrocolonterapia e' possibile vedere tali residui che vengono eliminati. I benefici sono immediati, e' come "sgorgare un tubo incrostato", il lume intestinale e' maggiormente libero, la flora batterica intestinale puo' ricrescere in un ambiente piu' pulito.
A meno che tu non abbia applicato un'alimentazione fruttariana dalla nascita (che esclude anche i carboidrati che provocano muco), qualche residuo nel tratto intestinale si trova sempre.

Anonimo ha detto...

Io ci ho provato ho bevuto circa mezzo litro ma l'acqua non è uscita da nessuna parte e manco son riuscito a vomitarla;sta li dentro...
Non so secondo voi come mai ? Saro' intasato fino al midollo ?
Per quanto ha riguardato me purtroppo non ha funzionato..ho rispettato sia i movimenti che le quantita' di sale per litro ma niente..prima volta che lo facevo ovviamente...premetto che sono 3 giorni a digiuno e questo a mezzanote è il quarto.

Non so qualcuno che mi puo' dare delucidazioni ???

Grazie a tutti ciao !!!

Anonimo ha detto...

PER ANONIMO CHE SCRIVE IN DATA 01 febbraio 2011 04:37

La cosa funziona in questo modo:
0. Torna immediatamente a nutrirti (cibo e acqua), inutile digiunare se la depurazione non può essere svolta;
1. Rivedi bene tutti i passaggi dello "Shankara-Prakshalana", come credo tu abbia già fatto, ma solo per sicurezza;
2. Questa pratica va fatta al mattino;
3. Tre giorni prima della pratica mangia in modo più semplice (riso semi-integrale in bianco con un filo di olio a crudo, ad esempio, oppure altri alimenti che non siano troppo pesanti, quali verdure cotte e crude, cereali, legumi, ecc.);
4. Il quarto giorno, ti svegli, ti fai una bella pentolona di acqua calda salata (con tre bei cucciaioni ricolmi di sale);
5. Inizi a bere una tazza alla volta, intervallando ogni tazza con la serie completa di esercizi;
6. Non ti scoraggiare (né preoccupare), le evacuazioni cominceranno dopo il primo litro;
7. Prosegui (nelle immediate vicinanze di un water) l'assunzione delle tue tazze di acqua calda (tienila sempre calda), sempre con intervalli di esercizi;
8. Arriverai verso la fine e le evacuazioni, ormai cominciate, ti dovrebbero restituire acqua quasi pulita (nel migliore dei casi, pulita e basta);
9. Termina la pratica con del riso cotto e del burro chiarificato come condimento e non ti appesantire durante il giorno con altro cibo;
10. Dal giorno seguente, con il dovuto senso di responsabilità, tieniti pulito (mangiare quanta meno carne è possibile, evitare ricette troppo complesse, ecc.).
La cosa più spiacevole che ti possa capitare con questa pratica è vomitare.
Se non evacui, l'acqua ha poco sale e gli esercizi non sono fatti in modo adeguato, ma solo tu puoi saperlo.

eleonora ha detto...

Buongiorno,
io questa mattina ero motivatissima a fare il trattamento..
mi sono ripassata i movimenti , ho messo a scaldare l'acqua , sciolto il sale ( ho usato quello rosa himalayano) e cominciato.
ho bevuto un bicchiere, esercizi , altro bicchiere altro esercizio, e poi nausea, ho aspettato a bere, ho rifatto i movimenti , nulla.
Ho provato a bere di nuovo, e sono andata a vomitare.
Passato il vomito, ho voluto ritentare.
ho bevuto , esercizi, bevuto ancora..e di nuovo in bagno a vomitare.

A quel punto ho rinunciato , e ho bevuto acqua dolce.
dopo 10 minuti sono andata in bagno e avuto diarrea..

Ma cos'è che sto sbagliando?
premetto che l'ho fatto sola,e due settimane fa ho fatto una seduta di idrocolon terapia , ma volevo tanto pulire tutto l'intestino non solo l'intestino crasso. io vivo a firenze e non so dove poterlo fare con una persona che mi segua.
Io vorrei capire come mai tutta questa nausea? ho sbagliato qualcosa?

grazie

Mihail ha detto...

voglio parovare anche io questo metodo e prima di iniziare ho provato le posizioni del ragazzo nel video. ma la verticale proprio non mi viene! va bene lo stesso?

Anonimo ha detto...

Salve,
vorrei sapere per favore perchè non si deve mangiare frutta e verdura cruda per 2 giorni dopo la pulizia.

Io sono crudista quasi fruttariano, quindi preferirei non cuocere i vegetali se possibile, anche perchè allo stato naturale crudo contengono molti piu' enzimi, batteri "buoni", fibre, ecc.. .

Bioecomen ha detto...

Mihail: L acqua deve passare attraverso la valvola dello stomaco per arrivare nell'intestino... le posizioni sono state create per questo motivo, facilitare il passaggio dell acqua all intestino.. però non ti sò dire personalmente se eliminando questo passo la tecnica venga compromessa del tutto o solo parzialmente.


Anonimo: Si dice di non mangiare frutta e verura cruda, in quanto alcune sono abbastanza irritanti .. però se mangi frutta dolce come pere, banane ecc non ci dovrebbero essere problemi, anzi.

Anonimo ha detto...

La mia esperienza: inizio alle 9:00 con 3 litri d'acqua mescolati con 3 cucchiai di sale rosa grosso dell'Himalaya.

Passata 1 ora e 1/2 ed aver bevuto 2 litri d'acqua e rifatto diverse volte tutti gli esercizi ( tranne la candela che l'ho fatta al contrario, cioè appoggiandomi sulla schiena ) non ho avuto nessuna evacuazione, cosi' ho deciso di farmi 1 bel clistere col litro d'acqua rimasto.
Da li' lo sblocco, con diverse scariche, tra cui l'ultima con acqua pulita -premesso che sono crudista quasi fruttariano- ; segnalo solo un forte mal di testa, andato scemando dopo le diverse scariche.

Ripresa alimentare alle 15 con 4 mele rosse e 4 banane frullate, poi alle 20 un litro si succo di verdure.
Mi sento un po' l'intestino gonfio, ma del resto tutto ok.

Bloo ha detto...

Scrivo per avvertire tutti che mangiare frutta o verdura fresca come primo pasto dopo lo shankprakshalan è sbagliatissimo. Il motivo è che gli eventuali residui della masticazione possono "attaccarsi" alle pareti intestinali prive di muco e li rimanere, con il rischio di andare in putrefazione e creare seri problemi! Per stare tranquilli seguite i consigli e mangiate riso con burro o tutt'al più pasta in bianco con olio d'oliva. E in ogni caso masticate sempre molto bene.

Buona purificazione a tutti! :)

Bloo ha detto...

Scrivo per avvertire tutti che mangiare frutta o verdura fresca come primo pasto dopo lo shankprakshalan è sbagliatissimo e altamente pericoloso. Il motivo è che gli eventuali residui della masticazione possono "attaccarsi" alle pareti intestinali prive di muco e li rimanere, con il rischio di andare in putrefazione e creare seri problemi! Per stare tranquilli seguite i consigli e mangiate riso con burro o tutt'al più pasta in bianco con olio d'oliva. E in ogni caso masticate sempre molto bene.

Buona purificazione a tutti! :)

Anonimo ha detto...

ciao!
ho provato il metodo per la prima volta con grande soddisfazione.
Ho una curiosità: qualcuno sa la ragione per cui si consiglia di non mangiare frutta e verdura cruda per due giorni (sono vegano, andante verso il crudismo)?

altra cosa: per gli esercizi, ho seguito quelli di un'insegnante indiana che ho trovato qui http://www.youtube.com/watch?v=PuOoLr2qd0Y&feature=related
Mi sono sembrati più chiari e più espliciti. Devo dire che la mattina stesssa, solo provandoli prima di bere, già hanno movimentato l'intestino.
Lei spiega anche il perchè di quei movimenti e suggerisce un paio di cose in più.
Alla fine però dice che la conclusione è, dopo aver svuotato tutto l'intestino (cioè ripetendo gli esercizi finche tutta l'acqua non è uscita, senza bere ulteriormente), bere due litri di acqua dolce e solo dopo mangiare il famoso riso al burro. Ne sapete niente?
grazie
gianfri

Anonimo ha detto...

Ma se al posto del sale si usassero le bustine di salgesse che vendono in farmacia e che svolgono lo stesso compito di ripulire intestino e colon cosa cambia

Anonimo ha detto...

Bevuti 3litri d'acqua e sale con 2 ore di esercizi come da video ma ho ottenuto solo un po di nausea nessuna evaquazione. . .

Pingu ha detto...

La pratica funziona, ma non va improvvisata, bisogna seguire tutte le regole.

gabri ha detto...

Ciao a tutti, nel fine settimana io e mio marito abbiamo fatto entrambi il trattamento e mentre a lui è riuscito benissimo e con grande soddisfazione da parte sua, io purtroppo non posso dire lo stesso: ho eliminato l'acqua quasi interamente attraverso l'urina e solo una piccola parte è servita allo scopo. Non ho continuato perchè dopo quasi 4 litri di acqua salata, la nausea era tanta e mi sono sentita molto stanca. E' normale che io abbia eliminato l'acqua attraverso le vie urinarie? Oggi ho evacuato 3 volte nella mattina, cosa molto rara per me, significa che nonostante tutto ne ho tratto del giovamento?
grazie a tutti!

Anonimo ha detto...

Pulizia eseguita! Dopo 2 bicchieri ho cominciato ad evaquare e dopo un litro e mezzo l'acqua usciva già limpida, leggermente gialla. Consiglio di farla, la sete è un pò dura da sopportare ma non impossibile! Come prima volta sono molto contento.

Anonimo ha detto...

Io l'ho fatta alla lettere e già dal secondo bicchiere ho iniziato ad espellere l'acqua ... purtroppo ho sbagliato salando l'acqua (abbondando col sale) e ho dovuto sospendere la pratica dopo un litro e mezzo di acqua bevuta... ogni due bicchieri facevo gli esercizi...il mal di testa mi è venuto dal primo bicchiere. Però dopo il litro e mezzo e dopo essere andato in bagno per 4 volte ho aspettato mezzora e poi ho mangiato il riso in bianco, dopodichè ho bevuto un bicchiere di acqua dolce e il mal di testa è sparito. Non vi dico cosa tutto non ho visto nel mio water..la pulizia effettivamente avviene, purtroppo non ho pulito tutto completamente perchè ho dovuto interrompere la pratica però sono abbastanza soddisfatto. Voglio segnalare che il giorno dopo ho sgarrato perchè ero invitato a pranzo e ho mangiato l'impossibile anche se sono vegetariano... dopo pranzo subito sul cesso e ho fatto liquidi! Non so se fosse l'acqua bevuta durante i pasti... e da lì ho avuto mal di testa durato 4 giorni e segnalo anche che il mio stomaco fa rumori strani anche se il reflusso e i dolori che ultimamente avevo sono spariti... probabilmente avendo sgarrato con la dieta ho provocato stress al mio intestino e ora si deve assestare. Però rifarò sicuramente la pratica con più attenzione e completandola tra qualche mese. grazie

Anonimo ha detto...

Che lo fanno gli indiani da secoli e che, se fatto nella maniera giusta, funziona è ok. Ma secondo me qui si sta scordando di dire una cosa importantissima! Il sale fa salire la pressione sanguigna!!! Quindi, chiunque soffra di ipertensione o prende farmaci come Warfarin o prodotti erboristici come il ginseng deve evitare ASSOLUTAMENTE questa pratica!

Anonimo ha detto...

Scusate, va bene farlo in caso di diarrea cronica, Col solito scopo di ripulire l'intestino?

Anonimo ha detto...

Scusate, va bene farlo in caso di diarrea cronica, Col solito scopo di ripulire l'intestino?

Ivanbull ha detto...

Se lo scopo e far transitare molti liquidi penso che lo stesso risultato con disaggi inferiori si potrebbe ottenere mangiando grosse quantità di anguria! Ho provato oggi il sistema con acqua salata e a parzialmente funzionato ma sono riuscito a bere solo 2 litri ! Avendo a volte mangiato grosse quantità di anguria il risultato sulla defecazione mi e sembrato simile! Che ne pensate?

Anonimo ha detto...

Io ho fatto questa pratica circa un anno fa in primavera..premetto che essendo in sovrappeso non riuscivo a fare bene l'ultima posizione yoga. Non ho avuto vomito nè difficoltà a bere l'acqua salata. Ho evacuato soprattutto liquidi e nessun residuo solido. Purtroppo la maggiorparte delle mie tossine è accumulata in grossi trati di cellulite più che nell'intestino, quindi faccio fatica a smaltirle. Però devo dire che da allora la mia situazione di salute è migliorata, vwero è che nel frattempo ho iniziato a mangiare in maniera prevalentemente vegetariana, anche se non sono riuscita ancora ad eliminare alcuni cibi per me dannosi. Però l'allergia alle graminacee mi è passata, quella all'ambrosia è nettamente migliorata ed anche altri problemi di salute sono migliorati. Riproverò a breve con un'altra pratica. Ps per chi dice che il sale alza la pressione: non preoccuparti, con questa pratica il sale non fa in tempo ad andare in circolo, serva solo come "sapone scrostante".

Fabio Paradiso ha detto...

No, non va bene se hai la diarrea cronica. Prima devi passare almeno 21 giorni durante i quali:
- non puoi mangiare latte e prodotti da esso derivati;
- non puoi mangiare solanacee (pomodori, melanzane, peperoni);
- non puoi mangiare carni rosse né pesce d'allevamento.

La mattina colazione con latte di riso e biscotti senza uova/latte;
Sia a pranzo che a cena, sempre riso semi-integrale, verdure lavate bene e cotte con acqua e sale, un pugno di legumi, un po' di insalata con tanto limone.

Dopo 21 giorni la diarrea (a meno che non sua legata al glutine o dovuta a droghe) dovrebbe scomparire del tutto. Se non, devi anche evitare il glutine.

Alla fine, nel tuo caso, questa pratica (finché non starai meglio, NON serve.

Anonimo ha detto...

Io stamattina presto ci ho provato, fino al 6° bicchiere ce l'ho fatta, dopo mi è venuto il vomito. Ho fatto una breve pausa e ho ripreso a bere l'acqua salata.Ho iniziato ad evacuare al 5° bicchiere dopo aver ripreso a bere. Non ho più avuto vomito, ma sono riuscita a berne solo altri due perchè poi non ce l'ho più fatta. Non ho avuto scariche particolarmente sporche,pensavo peggio,sarà che sono vegana da anni (mi concedo solo qualche strappo se inevitabile) e che comunque anche prima non ho mai consumato cibi raffinati. Sono mesi che bevo acqua tiepida con limone a digiuno appena sveglia e poi centrifugati per colazione. Le scariche sono continuate anche dopo aver smesso di bere l'acqua con sale, ed erano quasi limpide. Ho avuto molta sete alla fine, ma ho resistito fino a che non ho mangiato il riso con il burro (a me non piace il riso quindi mi sono dovuta sforzare).Per il resto sto benone. Ci riproverò di nuovo.

Anonimo ha detto...

Qualcuno mi sa dire in questo video per che cosa servono gli ultimi esercizi? Possono essere abbinati nella pratica? Le ho fatti alternando con i primi e solo dopo vedendo altre fonti ho visto che la sequenza giusta è solo la prima.

http://www.youtube.com/watch?v=FKPNBUd_up4

pasqualeilcarpista ha detto...

SALVE MI CHIAMO PASQUALE
sono un non fumatore da poco ho fumato x 15/16 anni nonostante io abbia solo 28 anni.
Ho deciso di essere molto più salutare di oggi e volevo provare la pratica del lavaggio mi piacerebbe parlarne a voce prima con qualcuno io vivo a La Spezia nessuno che l'abbia fatto vive qui nelle vicinanze??
Se posso lascio la mia email per eventuali contatti grazie
simon.carpa@hotmail.it

Anonimo ha detto...

Ho provato e sono senza parole!
Ripulisce tutto!

Anonimo ha detto...

Ho usato questo processo su consiglio di un'amica e devo dire di essere abbastanza soddisfatto: la prima tazza l'ho salata troppo e l'ho vomitata! XD
Poi ho corretto il tiro... Al posto degli esercizi suddetti ho usato alcuni esercizi di chi-kung (che pratico da anni) e ho avuto ottimi risultati... non ho avuto dolori di testa e ho cominciato a evacuare dopo la terza tazza! =)
Oryu.

Anonimo ha detto...

che ne pensate di assumere enterogermina dopo il trattamento per ripristinare la flora intestinale?

Anonimo ha detto...

Scusate io ho fatto tutto secondo l'articolo qui sopra. Ho sopportato anche la nausea riuscendo a non vomitare, ma ho solamente urinato tantissimo, nessuno stimolo ad evacuare tramite le feci.

Il mio organismo ne potrebbe risentire di questo esperimento non andato a buon fine?
Tutto quel sale potrebbe avermi sovraccaricato i reni o altro?

Anonimo ha detto...

Io ci ho provato, ma al secindo bicchiere mi veniva da vomitare! Non ce l' ho fatta, probabilmente non fa per me!

Anonimo ha detto...

Pulizia effettuata senza troppi problemi anche se ho usato esercizi diversi da quelli proposti...dal quarto bicchiere ho cominciato ad evacuare! l'unica difficoltà per me è stata proprio il bere l'acqua calda salata...all'inizio riuscivo senza problemi ma dal quinto/sesto bicchiere è diventato davvero disgustoso! Comunque devo dire che il metodo funziona!

Anonimo ha detto...

Provato due giorni fa stufo dei disturbi dovuti a disordini alimentari. Relativamente facile da praticare ma con risultato soddisfacente.
Lo inserisco con periodicità nella mia routine.

mimmo pastorelli ha detto...

Io ho effettuato la pratica e sono molto soddisfatto. Credo che sia preferibile arrivare ad effettuare una purificazione simile attraverso un processo che preveda prima una purificazione "spirituale", liberandosi da stati d'animo pieni di collera, risentimento, odio e pensieri negativi. Ritengo che sia la naturale conseguenza ed esigenza di persone comunque attente all'alimentazione in generale e che quindi evitano l'assunzione di carne e limitano i derivati. La pratica può rendervi stanchi anche il giorno successivo, tenetelo ben presente ma è niente in confronto alla sensazione di leggerezza e pulizia che si ottiene. Dissento sul fatto di non mangiare frutta cruda il giorno stesso: io dopo aver mangiato il riso con l'olio (e non burro), ho mangiato una banana, più tardi una mela, a cena degli gnocchi e non ho avuto nessun problema. Ascoltate il vostro corpo: l'unica voce realmente sincera.

Luisella Villa ha detto...

Buona sera, ho letto le indicazioni e mi piacerebbe poter eseguire questa pratica. E' possibile sapere se in zona Lodi, Pavia, Milano conoscete qualcuno gia' esperto? Giusto per non farlo da sola.
Grazie mille
Luisella

Anna Rita Pusceddu ha detto...

Complimenti alla vegana che ha mangiato il riso col BURRO -. - ' la coerenza prima di tutto!! O. o

Anonimo ha detto...

@Anna Rita. Il tuo messaggio è inapropriato e non vedo come può aiutare chiunque. Piutosto, condividi la tua esperienza e quel che sai far meglio.

Anonimo ha detto...

Salve, pratico la pulizia dell'intestino da qualche anno e vorrei fare alcune osservazioni.
Premessa: per quanto sia una pratica semplice, io credo che almeno la prima volta sia meglio eseguirla con qualcuno a guidarci!

1) Per chi accusa forte nausea:la nausea dipende dal fatto che il piloro non si è aperto bene, quindi bisogna concentrarsi ad eseguire meglio gli esercizi. Si puo' anche bere un bicchiere e fare 2 cicli di torsioni invece che uno. Vedrete che così la nausea sparirà. E' anche possibile fare dei leggeri decotti (di porro, sedano o altro, ma sempre salati eh?) che fanno un po' meno schifo dell'acqua salata e basta..:)

2) Se fate molta pipì vuol dire che l'acqua non è salata a sufficienza, e quindi filtra nella vescica invece che andare nell'intestino.

3) E' FONDAMENTALE mangiare entro un'ora dalla fine del trattamento, e vanno evitati i cibi crudi, i latticini, le spezie etc.

4) Nel video che avete postato, gli esercizi davvero funzionali - perchè servono ad aprire il piloro e far transitare l'acqua verso l'intestino, sono solo i primi 4, che sono anche molto semplici.
Le altre sono asana yoga, non funzionali alla pulizia, alcune nemmeno troppo semplici. Quindi, se non siete già dei praticanti di yoga, non vi consiglio di eseguirle senza un'adeguata preparazione o un maestro vicino.

5)Il mal di testa che molti - me compresa - accusano, è frequente, e dovuto alle tossine che vengono 'sciolte' dall'azione del sale e che entrano in circolo prima che il corpo abbia tempo di depurarsi del tutto. Pensate alle supposte, e a quanto velocemente i loro principi filtrano nel sangue dall'intestino... il principio è lo stesso!

Consiglio infine a tutti gli interessati di leggere il testo di A.Van Lysebeth Perfeziono lo yoga, dove questa pratica viene descritta molto bene.

Anonimo ha detto...

provato x la prima volta oggi...ma son riuscita a bere solo 2l di acqua salata senza nessun risultato nè disturbo xò!ora tutto quel sale ke fine farà?qualcuno mi può dire se ho ancora speranze?premetto ke normalmente nn sono regolare..aiuto...

Leonardo Pantaleo ha detto...

ciao ma è lo stesso se usi brodo di verdure al posto dell' acqua semplice? ha lo stesso effetto?

Anonimo ha detto...

Io uso brodo vegetale salato e i risultati sono sempre positivi. Serve solo a rendere "gradevole" l'introduzione di acqua salata. Purtroppo la sola introduzione di acqua salata non mi riesce e avverto immediatamente nausea. L'importanza è data dal quantitativo di sale che deve essere sempre di un cucchiaio raso (e poco più) per ogni litro d'acqua.

Anonimo ha detto...

essendo vegana, per quanto abbia letto a ritroso tutti i commenti non trovando risposta, chiedo se posso sostituire il burro con olio extravergine home made.
grazie

luciagrazia ha detto...

Salve, mi chiamo Lucia ed ho 27 anni. è la prima volta che provo...ho ingerito solo 1 litro d'acqua salata...mi è venuta un pò di diarrea...è normale? Grazie. Cordiali Saluti

luciagrazia ha detto...

Salve, mi chiamo Lucia ed ho 27 anni. E' la prima volta che provo... Per non esagerare ho ingerito solo 1 litro di acqua salata...mi è venuta un pò di diarrea...è normale? Grazie. Cordiali Saluti.

Fabio Paradiso ha detto...

Ciao, Lucia.
Questa pratica, che serve a purificare con il passaggio dell'acqua calda salata il tratto gastro-intestinale, deve essere eseguita con un minimo di TRE litri di acqua calda salata fino ad un massimo di CINQUE litri.
L'iniziale "diarrea" non è altro che il flusso di acqua ingerita che - grazie agli esercizi - fluisce veloce nel corpo. Inizialmente questo flusso può apparire come diarrea, ma bisogna proseguire fino a che l'acqua non esce trasparente. La pratica va interrotta con un pasto a base di riso bianco con un po' di olio o di burro chiarificato.
Fabio Paradiso

Anonimo ha detto...

Sto provano per la prima volta e dopo circa 1lt e1/2 -2 ho vomitato ppo ho ripteso a bere e in qualche modo sta funzionando..io contonuo..va bene?

Anonimo ha detto...

Io ho avuto una reazione simile alla tua e mi sono compotrata come te poi mi sono venuti brividi di freddl e mi sono dovuta mettere un po a letto anch'io penso riproverò

Anonimo ha detto...

non e' stato divertente (a meta' dopo un paio di litri ho vomitato) pero' poi ho continuato a bere l'acqua salta e in totale ne ho bevuta tre litri.
La purificazione alla fine e' riuscita, anche se dopo il riso misono addormentata per 2 ore!!
Forse ogniuno ha tempi e dosi diverse?
A me dopo i primi bicchieri dava noia fare gli esercizi, mi facevano sar male.
Eppoi forse dipende dal momento: ci sono momenti migliori per praticare la pulzia?
Comunque alla fine sono contenta e soddisfatta grazie dei suggerimenti e di avermi fatto conoscere questa tecnica Marina

Anonimo ha detto...

dopo aver vomitato a meta' pratica eppoi continuato, ho finito i tre litri e tutto ha funzionato come da vostri consigli.
dopo il riso ho dormito per 2 ore!
dopo il 3*/4* bicchiere, eseguire gli esercizi mi faceva stare male.
la domanda e':
-ci sono momenti migliori di altri per purificarsi?
-puo essere che ogniuno abbia comunque i suoi tempi e le sue dosi?
millegrazie Marina

marpass ha detto...

Fatto tutto ieri seguendo alla lettera
Mi sono svegliata con occhi gonfi mal di testa e un po di nausea c'è un motivo secondo lei?
Grazie Marina

Mirek ha detto...

Ciao a tutti . Io ho fatto la pratica questa mattina usando sale di himalaya. A funzionato tutto . Fate attenzione a non sottovalutare la scelta del sale,( va bene anche sale integrale) confondendovi con quello comune da tavola poichè c'è una netta differenza e il Cloruro di Sodio farebbe più danno che altro in questo caso! Ciao a tutti .