Ricette ed informazione sul mondo della cucina naturale crudista.

domenica 20 luglio 2008

Frutta e Verdura nei nostri giardini,scelta salutare e necessaria.









Coltivare frutta e verdura nei nostri giardini è un sinonimo di amore per l'ambiente e di voler prendersi cura della nostra salute.

Avere un frutteto o un orticello al giorno d'oggi è sempre più visto come una pratica antiquata di persone con molto tempo libero a disposizione.
Generalmente si pensa che avere un frutteto o un orticello non abbia senso dato che troviamo tutto dal fruttivendolo ogni giorno.. Ma è realmente così??

Avere un pezzo di terra in casa ai giorni nostri sta diventando un privilegio per pochi.
Coltivare alberi e piante da frutta e verdura è un primo passo per ritornare alla natura primaria.

Secondo la corrente di pensiero del " voglio tutto e subito" della maggior parte delle persone , comprare frutta e verdura in negozio è la miglior scelta di fatto di prezzo e di qualità.
Bene, le cose non stanno affatto così.
Avere un frutteto, anche se piccolo, regala con pochissime cure delle cose che nei negozi non è possibile trovare in modo adeguato: La vera qualità e il prezzo quasi nullo.
Parlando di prezzi voglio far menzione della frutta e verdura biologica. Visti gli altissimi prezzi moltissima gente oramai senza più soldi da spendere sta ricomprando frutta normale per necessità con tutte le conseguenze che ne derivano. Questa è la carta vincente dei produttori, giocare sul prezzo per vendere e far lasciare la frutta biologica negli scaffali invenduta. E direi che ci stanno riuscendo bene. Questa è una constatazione basata su dati di fatto, non speculazione.
Avere amici che vendono cibi dei loro orti e frutteti è un regalo straordinario che va tenuto stretto. Frequentiamo più spesso mercatini con le classiche vecchiette che vendono nelle ceste di vimini la frutta dei loro alberi a basso prezzo. Cerchiamo sempre l'alternativa e arrangiamoci.

La frutta e la verdura che troviamo al supermercato, tranne rare eccezioni, è prelevata dalla pianta o dall'albero prima del tempo giusto di maturazione per farla poi maturare in cassette durante il viaggio per i negozi. Bene, ma chi mai si metterebbe , avendo un frutteto, a far maturare la frutta nelle cassette sapendo che nell'albero matura lo stesso e infinitamente meglio?
Vitamine, enzimi , sostanze caratterizzanti e attive che si vengono a formare durante la maturazione della frutta attaccata alla pianta madre non vengono trovati, se non in quantità ridotte nella frutta fatta maturare in modo artificiale.
Ne deriva che andiamo a comprare alimenti parzialmente corrotti e mancanti di componenti seppur in diverse proporzioni e in diverse circostanze.

L'importanza di frutta e verdura di stagione:
Oramai siamo abituati ad avere frutta e verdura di tutte le varietà tutto l'anno.
In serra vengono fatte crescere piante in atmosfera modificata per far nascere frutti anche durante altri periodi dell'anno. Questa scelta, seppur un male minore, contribuisce alla qualità del cibo naturale originario, ancora una volta compromesso.
Alcune piante però non possono essere coltivate in serra per via delle necessità naturali. Siccome il mercato chiede si è arrivati al punto di conservare in celle frigo la frutta che rimane invenduta durante l'anno per rivenderla e ricavare profitto. Per fare un esempio: troviamo le mele tutto l'anno negli scaffali dei negozi, moltissime delle mele che mangiamo sono state conservate per mesi in celle frigo a bassa temperatura per impedire di marcire. La durata e la quantità delle vitamine, una volta staccato il frutto dall'albero (a maggior ragione se staccato prima della maturazione) viene a diminuire progressivamente e velocemente. E drasticamente inferiore sia come qualità e come quantità alla frutta presa e mangiata nel momento dall'albero o conservata per pochi giorni a casa.

La certezza di mangiare frutta veramente sana e priva di addittivi di ogni genere:
La frutta e la verdura che troviamo nei negozi generali è generalmente trattata con pesticidi e addittivi per farla sembrare più bella e sana alla vista e solo in modo apparente.
I composti pesticidi usati per combattere malattie e parassiti ( quasi sempre inesistenti e frutto di ossessione atta a vendere i prodotti da parte della case di produzione) sono composti pericolosi per la salute dell'organismo come dimostrato da innumerevoli studi a riguardo e dalle persone dotate di un minimo di coscienza sul connubio : pesticida=veleno.
Abbiamo notato mai mele e arance lucidissime come se fossero lucidate con olio? bellissime da vedere sicuramente, ma come mai così splendenti?
Sono state trattate con cere composte per renderle appetibili alla vista e per venderle. Queste cere ingerite non credo che siano una manna dal cielo per la salute.
Molta frutta e verdura viene trattata con raggi gamma per impedire la germogliazione e prolungare la vita del frutto trattato. Mangiare cibo irradiato artificialmente comporta indubbiamente i suoi rischi per la salute.
Avere la certezza di mangiare frutta non geneticamente modificata: Visto e considerando le recenti pressioni delle multinazionali degli alimenti sull'adozione di OGM, facendo pressione sui governi con la scusa della necessità di produrre di più per tutti( frasi false fatte per far credere che il cibo non basti più per tutti, mente le cose non stanno così e quando basterebbe semplicemente eliminare o limare l'industria della carne per avere risorse enormi di cibo per tutti quanti). Non mi scandalizzerei di certo se trovassimo frutta geneticamente modificata nelle nostre tavole senza sapere niente.

Abbiamo a disposizione nei vivai una vastissima scelta di alberi da frutto e verdura di tutti i tipi e per tutte le stagioni:
Piantare alberi con differenti periodi di produzione di frutta permette di avere cibo fresco per tutto l'anno con grande varietà.
Fichi, fichi d'india, pesche , ciliegie, albicocche , carrube, cetrioli, peperoni , angurie, meloni ecc. d'Estate
Fave, fagiolini, nespole , lattughe, mandorle, prugne, peperoni, fragole , piselli , spinaci , sedano, zucchine ecc. in primavera
Mele , pere, uva, agrumi , castagne, zucche, cavoli , broccoli ecc. d'inverno.

Abbiamo una scelta immensa di alimenti vivi in tutto l'anno in quantità enorme. C'è solo bisogno di volontà! per il resto ci pensa la natura a prendersene cura. Dobbiamo solo avere tante cassette e tanti amici a cui regalare chili di frutta e verdura che non riusciremo a mangiare perchè in abbondanza :)

Se non abbiamo un giardino o non è abbastanza spazioso, optiamo per i vasi. Piantiamo i nostri alberelli e le nostre piante nei vasi e mettiamoli nei balconi e nelle terrazze. Oltre all'effetto visivo avremo tutti i benefici che ne conseguono.
Nel caso di una guerra, carestia e fame, cose che si prospettano sempre maggiormente nel nostro futuro,avremo la nostra riserva di cibo sicuro per andare avanti.

Facendo due conti avere frutta e verdura auto-prodotta sta diventando una scelta non più di passione, ma una cosa sempre più necessaria per preservare quel poco di buono che abbiamo al giorno d'oggi.

2 commenti:

Danda ha detto...

Ciao carissimo!
Ho letto un po' tardi questo tuo post che condivido pienamente! Da quando mi sono trasferita a Rimini e sono scappata da quel caos che è Roma sono tornata ad apprezzare la spesa nel mercatino, dal nostro ortolano di fiducia che mi consiglia la frutta e la verdura di stagione e locale. Ho provato anche a comprare frutta e verdura biologica, ma come dici tu, siccome i prezzi sono più alti (e concordo con te che il mercato della grande distribuzione ne è la causa) la trovo quasi sempre mezza appassita. Comunque il mio piccolo giardino ha già un alberello di susine, uno di ciliegie (mangiate quest'anno dagli uccellini) e un paio di nespoli. La mia vicina sta facendo un tentativo di piantare radicchio e zucca, e ha già tante varietà aromatiche. Anch'io ho sul davanzale della cucina prezzemolo, basilico e tre piantine piccole di limone biologico che ho fatto nascere dai semi alla fine della primavera. Aspetterò fin quando cresceranno un po' per metterle in giardino. Mentre le mie fragole quest'anno non hanno dato frutti. Beh forse devo studiare meglio! Eh eh ;-)
Danda

Sardinianguy ha detto...

ottimo danda, sempre al top :)